Prima del viaggio

Prima di viaggiare in India ci possono essere una serie di informazioni utili da conoscere, prima di tutto parliamo dei documenti che servono per entrare in India: ovviamente il passaporto in corso di validità, e con sei mesi di validità dalla data del rientro, alcune pagine libere in cui aggiungere i visti necessari per essere accolti dalla federazione indiana, due foto del formato 5x5 cm, e la richiesta compilata e firmata, scaricabile online all’indirizzo www.indianvisaonline.gov.in/visa/, queste modalità le potrete richiedere all’ambasciata indiana a Roma o al consolato generale di Milano, l’India non rilascia visti in loco quindi dovrete partire con il visto a vostra disposizione, la validità è di sei mesi dalla data di emissione.

Per i minori che viaggiano all’estero è indispensabile un documento individuale dal 26/6/2012, pertanto chi fosse iscritto sul passaporto dei genitori prima del 25/11/2009 è tenuto ad avere un documento individuale.

Questo è un aspetto fondamentale prima di organizzare un viaggio in India, altra cosa importante è quella di determinare il viaggio che volete realizzare, ciò che vi interessa visitare e cosa volete fare, in questa terra ricchissima sono le moltissime possibilità che incontrerete, per non perdere tempo è utile determinarne alcune.

Vi porto alcuni esempi concreti che è meglio chiarire prima di organizzare un viaggio in India: preferite vedere l’India del nord o l’India del sud? Questa semplice domanda vi chiarirà quale potrebbe essere per voi il periodo migliore per realizzare il vostro viaggio, e se il vostro tempo è già determinato dal vostro lavoro, questo vi aiuterà a capire quale zona del paese è meglio visitare. L’India del sud ha un clima caldo e secco tutto l’anno e il periodo migliore per visitarla va da ottobre a marzo, il massimo è dicembre-gennaio, mentre al nord il periodo migliore va da marzo a maggio quando le temperature sono più alte. L’abbigliamento che vi consiglio di portare con voi è fresco confortevole, maniche lunghe per proteggervi dagli insetti e poter visitare senza problemi i luoghi di culto, e per il nord aggiungete capi di mezza stagione e invernali per dicembre-gennaio.

Sappiate inoltre che il fuso orario dell’India vi porta a spostare in avanti le lancette di tre ore e mezza durante l’orario legale, e di quattro ore e mezza durante l’orario solare.

La moneta èla Rupia, che potrete cambiare in aeroporto presso sportelli di cambio aperti 24 ore su 24, le esportazioni di rupie non sono ammesse se non verso alcuni paesi: Nepal, Bangladesh, Pakistan e Sri Lanka. I bancomat sono disponibili in tutte le grandi città e si muovono sui circuiti principali: Cirrus, Maestro, Mastercard, Visa, oppure è possibile cambiare traveller’s cheque in dollari o in euro, dagli ultimi aggiornamenti 1 euro equivale a 8457.51 rupie.

Inoltre prima di partire per l’India è utile sapere che non sono previste vaccinazioni obbligatorie, ma è fortemente consigliato premunirsi dalla malaria fuori dalle città, munitevi di zanzariera impregnata di insetticida e attenzione al tifo e alle forme di epatite, non consumate frutta non sbucciata, verdura cruda e non bevete acqua se non imbottigliata, attenzione che le bottiglie siano ben sigillate, sono a rischio anche i gelati, i succhi di frutta allungati con l’acqua e ovviamente il ghiaccio.